sabato 8 giugno 2013

Un altro anno è andato.

Dieci mesi mi sono passati sotto al naso alla velocità della luce che se ci penso mi viene uno di quei magoni che te li senti proprio pesanti sullo stomaco, come se avessi mangiato un polipo ripieno di piombo .
Eh. Brutta storia insomma.
Più invecchio e più mi rendo conto che il tempo non mi basta.
 Non mi basterà mai per dimenticare.
 Non mi basterà mai per ricordare, figuriamoci per colmare o vuotare.
Tutto questo mi rende molto triste che nemmeno davanti ad infinite tavole di cioccolato alle nocciole intere Lindt riuscirei a non pensarci.
Vorrei fare tante cose, ma allo stesso tempo non farne altre.
Per esempio vorrei essere quella sempre puntuale e non la solita ritardataria.
Vorrei semplicemente riuscire ad Essere di più.
Nel vero senso della parola.
In tutta sincerità, mi piacerebbe metterlo in culo ogni tanto e non prenderlo come mi succede spesso. Metaforicamente parlando s’intende.
Ciò nonostante in questi mesi sento di essere cresciuta sia internamente che esternamente più di quanto avrei potuto mai prevedere.
Mi spiego meglio.
Trovarmi tante volte con la testa tra le mani mi ha costretto ad alzare il culo e prendere a calci la vita, ad essere più forte e sicura. A cogliere l’attimo poiché, anche se probabilmente non sembra, ero una di quelle persone che senza qualcuno che la incitasse a fare qualcosa più di una volta si tirava indietro, per paura di non avere un riscontro positivo.
 Avete presente quando da bambino ti ripetevano : “ Non puoi dire che non ti piace se prima non assaggi! “. Forse un po’ così.
In poche parole , mi cagavo addosso e mi vergognavo nell’ esprimermi in diverse circostanze.
Mi faccio meno paranoie. Meno.
Ed ora utilizzare l’imperfetto mi soddisfa .
Ovviamente continuerò ad avere tutti i miei difetti, timori, ansie e bla bla bla, però se posso dimezzarli perché non provarci !
Non si può avere il controllo su tutto.
Una persona un giorno mi scrisse : “  Carpe Diem! Mi raccomando”.
Ci provai, ci sto provando e  procederò provandoci.
In questo mio percorso sono stata affiancata da persone meravigliose ed altre merdose.
Le ultime sono la ragione per la quale ho questo desiderio di metterlo in culo.
Le prime sono la ragione per la quale lo prenderei volentieri.
Sempre metaforicamente parlando. (Ehehehe, subito a pensare a male! )
Ora non so cosa mi aspetta o cosa farò .
Avrò più palle, questo è poco, ma sicuro.

Per concludere voglio dare un  abbraccio a tutti.

A te che non ci sei più.
A mia sorella e mio fratello che mi danno la forza di andare avanti.
Agli amici di sempre.
Ai miei vecchi coinquilini.
A quelli nuovi.
Ai miei compagni di Scuola di Fumetto.
A quelli di Colorazione del Serale.
Ai vecchi e nuovi Professori.
A quelli di Facebook , Twitter, Google Plus, Blogger,  Tumblr e Forum vari .Ahaha faccio schifo!
A quelli che verranno.
A quelli che non ho mai incontrato.
A quelli di passaggio.
A quelli che ho rivalutato.
A quelli che ho ritrovato.
A quelli del liceo.
Ai lionesi ‘ntrecchioleri ! ( Pettegoli) .
Agli amici di amici.
A quelli dell’altra sera.
A quelli che se ne vanno.
Ma soprattutto a  quelli che rimangono.

Grazie a tutti voi, perché se sono intelligente e stupida è solo merito vostro.